LETTURE D’ALTA QUOTA

Le recensioni di Filippo Zolezzi

Il matrimonio di mio fratello di Enrico Brizzi

Sono abbastanza rari i romanzi che hanno la montagna come protagonista, o come ambiente di svolgimento delle vicende narrate, per lo più i protagonisti sono guardaparchi, forestali, guide alpine, maestri di sci o alpinisti incalliti, una serie di personaggi spesso scontati e stereotipati che omologano i racconti e spesso li rendono quasi sovrapponibili, poca fantasia insomma…

CONTINUA A LEGGERE

Posted in letteratura | Tagged , , , | Leave a comment

LETTURE D’ALTA QUOTA

Le recensioni di Filippo Zolezzi per Tra le Rocce e il Cielo

Una novità che porta una ventata d’aria fresca, aria cristallina, aria pungente, aria sana… aria di montagna

Inizia la collaborazione di Filippo Zolezzi con Tra le Rocce e il Cielo: le sue recensioni diventeranno un appuntamento fisso con la rubrica LETTURE D’ALTA QUOTA. Saranno pubblicate sul nostro sito, sul nostro blog e newsletter periodica.

CONTINUA A LEGGERE

Posted in letteratura, stampa | Tagged , , , | Leave a comment

I CROCEVIA DELLE COSCIENZE

Storia di un disertore

una produzione Tra le Rocce e il Cielo
con la collaborazione di
Assessorato alla Cultura della Provincia Autonoma di Trento

Ideatore e regista Paolo Fanini

Un soldato lascia la linea del fronte, trova un rifugio, scrive a casa temendo di essere catturato. Un nonno e una nipote adolescente visitano insieme un Forte della Grande Guerra, chiacchierando tra ricordi di famiglia e grandi valori dell’umanità.

CONTINUA A LEGGERE

Posted in festival montagna, film, GRANDE GUERRA, spettacolo, stampa | Tagged , , , | Leave a comment

LEGGI TUTTE LE NEWS

“La solitudine ha ora la fragranza delle noci e delle pere, delle patate e del pane messo nel forno. Velate e argentee sono le brinate sui prati. Mi reco nel bosco ad annusare l’inverno. Mi faccio rincorrere dalle capre sui declivi della Laita. L’aria è robusta, corroborante e suadente nel tentativo di farmi spiccare il volo. E io allargo le braccia, guardo i miei piedi e mi aspetto di vederli staccarsi dal terreno…”

Mario Martinelli, “Dalla vita di un Jobrero”

Posted in il festival, stampa | Leave a comment