Posted in contributi, festival montagna | Tagged , | Leave a comment

INTERVISTA A PAOLO FANINI

Un mix di linguaggi artistici per parlare di diserzione

Parla di diserzione nella Grande Guerra “I crocevia delle coscienze, storia di un disertore”. Un tema difficile, che diventa il filo di una narrazione che pur rispettando il rigore storico dei dati, cerca di andare incontro alle sensibilità e alle conoscenze delle generazioni attuali.

CONTINUA A LEGGERE

Posted in documentari, festival montagna, intervista, trentino | Tagged , , , , , | Commenti disabilitati

Chiusi nella roccia sognando il cielo

domenica 24 maggio  Forte Pozzacchio

si ricorda l’entrata nella Grande Guerra dell’Italia 100 anni dopo.
Posted in documentari, festival montagna, spettacolo, trentino, vallarsa | Tagged , , , , , , | Commenti disabilitati

Chiusi nella roccia sognando il cielo


FORTE POZZACCHIO – VALMORBIA WERK 100 anni dopo

Domenica 24 maggio 2015

A 100 anni di distanza dal momento in cui l’Italia dichiarò guerra all’Austria-Ungheria ed entrò nel primo conflitto mondiale, a Forte Pozzacchio si organizza una giornata per ricordare quell’evento cruciale, perché solo la memoria può far sì che fatti tanto atroci non si ripetano.

CONTINUA A LEGGERE

Posted in trentino, vallarsa, viaggiare | Tagged , , , , , , | Leave a comment

CONCORSO FOTOGRAFICO 2015

OBIETTIVO FORTE

Le macchine della Grande Guerra

Nell’ambito della manifestazione Tra le Rocce e il Cielo 2015, che si svolgerà in Vallarsa (TN) dal 20 al 23 agosto, l’associazione Tra le Rocce e il Cielo organizza un concorso fotografico a premi che ha come tema OBIETTIVO FORTE – le macchine della grande guerra.

CONTINUA A LEGGERE

Posted in festival montagna, mostra | Tagged , , , , , | Leave a comment

LEGGI TUTTE LE NEWS

“La solitudine ha ora la fragranza delle noci e delle pere, delle patate e del pane messo nel forno. Velate e argentee sono le brinate sui prati. Mi reco nel bosco ad annusare l’inverno. Mi faccio rincorrere dalle capre sui declivi della Laita. L’aria è robusta, corroborante e suadente nel tentativo di farmi spiccare il volo. E io allargo le braccia, guardo i miei piedi e mi aspetto di vederli staccarsi dal terreno…”

Mario Martinelli, “Dalla vita di un Jobrero”

Posted in il festival, stampa | Leave a comment