1° CONCORSO DI SCULTURA

Concorso di scultura sul legno: “Volti di montagna”

Il legno è uno dei materiali principi della Vallarsa, materia prima che cresce rigogliosa
in ogni angolo del territorio. L’idea e nata dalla volontà del Circolo Ricreativo Sportivo Lamber di Riva di Vallarsa in collaborazione con l’associazione Tra le Rocce e il Cielo organizzatrice del Festival della Montagna vissuta con consapevolezza che si svolgerà in Vallarsa dal 10 al 21 agosto 2016.

CONTINUA A LEGGERE

Posted in festival montagna, il festival, mostra, stampa, vallarsa | Tagged , , , , , | Leave a comment

LETTURE D’ALTA QUOTA #4

Le recensioni di Filippo Zolezzi

Diamir, la montagna delle fate di Paola Favero

Diamir, o montagna delle fate, è il nome locale di quello che comunemente viene chiamato Nanga Parbat, la montagna nuda. Diamir lo ha voluto intitolare l’autrice Paola Favero e montagna delle fate lo è veramente, grazie anche agli splendidi disegni di Luisa Rota Sperti…

CONTINUA A LEGGERE

Posted in letteratura | Tagged , , , , , , , | Leave a comment

SIMONE CRISTICCHI ALLA CAMPANA DEI CADUTI

Per la chiusura di Tra le Rocce e il Cielo

La guerra e i suoi caduti. Sarà questo il tema della prima assoluta dello spettacolo “Ci resta un nome” che vedrà in scena Simone Cristicchi, come cantante e attore, nel suggestivo anfiteatro della Campana dei Caduti.

Lo spettacolo, che andrà in scena domenica 21 agosto alle 21.30, sul colle di Miravalle di Rovereto, sarà l’evento di chiusura del festival “Tra le Rocce e il Cielo”, il festival della montagna vissuta con consapevolezza che si svolge in Vallarsa dal 18 al 21 agosto 2016.

CONTINUA A LEGGERE

-

Posted in concerto, festival montagna, il festival, musica, spettacolo | Tagged , , , , , | Leave a comment

LEGGI TUTTE LE NEWS

“La solitudine ha ora la fragranza delle noci e delle pere, delle patate e del pane messo nel forno. Velate e argentee sono le brinate sui prati. Mi reco nel bosco ad annusare l’inverno. Mi faccio rincorrere dalle capre sui declivi della Laita. L’aria è robusta, corroborante e suadente nel tentativo di farmi spiccare il volo. E io allargo le braccia, guardo i miei piedi e mi aspetto di vederli staccarsi dal terreno…”

Mario Martinelli, “Dalla vita di un Jobrero”

Posted in il festival, stampa | Leave a comment